⁓ Stress da lavoro ⁓ 

 

COSA?

Cos’è che causa tutto questo stress? Orari, impegno, carico di lavoro, certamente. Ma quello che più spesso diventa per noi un problema sono le difficoltà nella relazione con superiori e colleghi. Passiamo spesso molte ore della nostra giornata lavorando e definiamo noi stessi anche attraverso il nostro ruolo professionale, come potremmo aspettarci che le nostre relazioni sul posto di lavoro non ci tocchino nel profondo? Le emozioni che proviamo mentre lavoriamo sono legittime e significative quanto quelle che proviamo nella vita “privata” e difficilmente gli effetti di un disagio lavorativo restano chiusi all’interno delle quattro mura del nostro luogo di lavoro.

 

QUANTO?

Troppo. Troppo da tollerare. “Mi crea stress. Mi mette ansia quando ci penso. Mi sento a disagio. Non mi sembra una cosa normale. Faccio fatica a reggere tutto questo.” Così può succedere che cominciamo a sentire il nostro lavoro non apprezzato, non valorizzato o anche sminuito. Possiamo sentire di non essere in grado, di non essere all’altezza o di non avere il tempo materiale di realizzare quello che ci viene richiesto. Il conflitto, espresso o latente con colleghi e responsabili può diventare logorante, come una piccola goccia che quotidianamente scava il suo percorso dentro di noi.

 

PERCHÈ?

Perché nasce un dilemma nei nostri pensieri? Spesso l’unica soluzione che ci appare esistente è quella di lasciare. Licenziarsi. Così la fantasia a volte vaga e ci immaginiamo quel momento, magari anche con soddisfazione e compiacimento, in cui come un tappo di spumante che salta tiriamo fuori tutto quello che ci ribolle dentro. Finalmente.

Ma poi? Succede che il pensiero vada al dopo. Che fare poi? Troverò una condizione migliore? Posso fare un salto così grade? Posso davvero rinunciare facilmente a questo lavoro? Quanto posso andare avanti?

Così possiamo decidere di andare avanti, continuare a stare in quella situazione in cui ciclicamente ci sembra a tratti di poter riuscire a stare a galla mentre in altri di non resistere più.

 

QUINDI?

E se si riuscisse a trovare un modo diverso di stare il quel contesto? Per quanto difficile possa apparire immaginare un modo, le relazioni con gli altri ci insegnano che niente è immutabile e che le diverse lenti con cui guardiamo il nostro contesto ci consentono di cambiare il nostro modo di stare con gli altri e con noi stessi. Scopo della psicoterapia è permetterci di ottenere questo cambiamento.




Puoi rivolgerti a noi per qualsiasi cosa non ti faccia stare bene: a volte può essere una sensazione generica di disagio, altre volte un disturbo con caratteristiche più specifiche.

Se sei su questa pagina, forse ti ci sei riconosciuto o riconosciuta.

 

Se stai vivendo questo, noi di Con te all’estero ti possiamo aiutare. Contattaci per fissare un incontro: il primo è gratuito.

 

Puoi rivolgerti a noi solo se vivi all’estero? Assolutamente no.

Anche se abbiamo un focus sul mondo expat, siamo psicologi e psicologhe a 360°. Se ti riconosci in queste o altre difficoltà, puoi intraprendere un percorso con noi anche se vivi in Italia.

Puoi rivolgerti a noi per

Con te all'estero


Richiedi ulteriori informazioni